Daniela Mazzucato

Artista dalle duttili caratteristiche vocali e dall’eclettico temperamento teatrale, Daniela Mazzucato spazia  dal repertorio barocco (Händel, Cesti, Scarlatti), all’opera  di Mozart e Donizetti, dalla musica contemporanea all’Operetta, al Musical, alla canzone francese, fino alle esperienze nel teatro drammatico (come in Fräulein Pollinger di Horvath per la regia di Pressburger e To be or not to be messo in scena da Antonio Calenda al Politeama Rossetti per il quale le è stato attribuito il Premio Salvo Randone). Per questo suo fenomenale talento della rigenerazione nel segno della classe e della freschezza, Daniela Mazzucato rappresenta un caso pressoché unico nel teatro italiano ed europeo.   Veneziana di nascita, ha compiuto gli studi di canto al Conservatorio «Benedetto Marcello» debuttando a soli diciannove anni nel ruolo di Gilda in Rigoletto al Teatro La Fenice di Venezia.  Il successivo debutto al Teatro alla Scala come Susanna nelle Nozze di Figaro e nell’Amore delle tre melarance di Prokofiev, con la direzione di Claudio Abbado e la regìa di Giorgio Strehler, ha dato inizio ad una carriera che l’ha portata nei più prestigiosi teatri e sale da concerto in Italia e all’estero, quali la Royal Opera House-Covent Garden di Londra, l’Opéra di Parigi, l’Hamburgische Staatsoper, l’Arena di Verona, il Teatro San Carlo di Napoli, il Teatro Comunale di Bologna, il Teatro dell’Opera di Roma, il Festival dei Due Mondi di Spoleto, la New Israeli Opera di Tel Aviv, il Glyndebourne Opera Festival.  Partner di cantanti illustri come Luciano Pavarotti, Alfredo Kraus, Nicolai Gedda, Piero Cappuccilli, raffinata interprete dei  ruoli di soprano-soubrette,  ha frequentato a lungo con straordinaria personalità il teatro d’operetta, di cui è considerata la primadonna assoluta. Numerose anche le sue partecipazioni a programmi televisivi di successo.

*****

Daniela Mazzucato

Flexible vocal characteristics and ecclectic theatrical nature artist, Daniela Mazzucato encompasses from baroque repertoir (Hendel, Cesti, Scarlatti) to Mozart and Donizzetti opera, from contemporary music to operetta, to musical, to French songs till the drama theatre experiences (as Horvat’s Fraulein Pollinger directed by G. Pressburger or the Antonio Calenda To be or not to be set up at Trieste Rossetti Theatre which gained the Salvo Randone Prize). Cause this peculiar regeneracy talent in the sign of class and freshness, Daniela Mazzucato is so a unique case in Italian and european theatre. Born in Venice, she attended her chant studies at “Benedetto Marcello” conservatory debuting only nineteen in Rigoletto’s Gilda role at Venoce “La Fenice” Theatre. The further debut at “La Scala” Theatre as Susanna in “Le Nozze di Figaro” and in Prokofiev “The Love for three oranges” directed by Giorgio Streheler and music by Antonio Abbado started a career that brought her in all the most eminent theatres and concert halls like the London Royal Opera Huose – Covent Garden, Paris Opéra, the Hamburg Staatsoper, the Verona’s Arena, Naples San Carlo, Bologna Town Theatre, Rome Opera Theatre, Spoleto’s “two World Festival”, Tel Aviv New Israeli Opera and the Glyndebourne Opera Festival. Eminent singers partner like Luciano Pavarotti, Alfredo Kraus, Nikolai Gedda, Piero Cappuccilli, soprano-soubrette role refined interpreter she attended for a long time, with extraordinary personality, operetta theatre of which she is considered the absolute prima-donna. Many her illustrious TV programs participations.